Mutui sempre più convenienti - Gruppo Tucci
17205
post-template-default,single,single-post,postid-17205,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-17.0,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.5,vc_responsive
 

Mutui sempre più convenienti

Mutui sempre più convenienti

Ci sono ottime notizie per chi desidera accendere un mutuo per comprare un immobile, ma anche per chi vuole sostituire il proprio finanziamento in corso. Infatti, i tassi bancari per i mutui resteranno vantaggiosi per molto tempo.

Lo ha spiegato (fonte www.wallstreetitalia.com) Renato Landoni, Kìron Partner SpA, società di mediazione creditizia che fa capo a Tecnocasa Holding S.p.A.,:

Nell’attuale congiuntura socio-economica, tenuto conto dell’emergenza sanitaria che sta impattando in maniera importante sul PIL europeo, la Bce porrà in essere ogni azione possibile per mantenere i tassi agli attuali livelli. Ha già annunciato che, se necessario, continuerà ad immettere liquidità nel sistema bancario in modo che gli istituti di credito possano concedere mutui e prestiti a tassi molto bassi.

Alla luce poi della raggiunta intesa da parte dei leader europei riguardo allo straordinario pacchetto di misure economiche per contrastare gli effetti della pandemia, è certamente questo lo scenario che dovremo attenderci sul fronte tassi almeno per tutto il 2020. In questo momento le proposte di mutuo delle banche sono interessanti come non mai, soprattutto per quel che riguarda i tassi fissi”.

Euribor (indicizzazione mutui a tasso variabile)

Dai massimi di luglio 2011 (1,60%), il tasso Euribor (3 mesi) è sceso a quota 0,19% (dicembre 2012), per attestarsi poco sopra lo 0,20% per tutto il 2013 e il 2014. E’ finito a -0 nel mese di Maggio 2015 e dopo aver registrato il suo minimo storico a metà marzo 2020 (sfiorando -0,50%), l’ultima rilevazione ha evidenziato un tasso del -0,38% (giugno 2020).

Eurirs (indicizzazione mutui a tasso fisso)

Dopo aver tenuto una media intorno al 3,4% nel 2011, l’Eurirs (25 anni) è arrivato a giugno 2012 a quota 2,13% per poi crescere fino a 2,75% a settembre 2013. Da quel momento la fase discendente non si è mai fermata, divenendo più forte a luglio 2019. Il minimo storico è stato toccato a marzo 2020 con -0,11%. La rilevazione ha evidenziato lo -0,13% . Ciò consente di accedere a mutui a tasso fisso senza prececedenti.