Covid: mercato immobiliare in calo - Gruppo Tucci
17225
post-template-default,single,single-post,postid-17225,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-17.0,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.5,vc_responsive
 

Covid: mercato immobiliare in calo

Covid: mercato immobiliare in calo

Il covid ha causato il crollo del mercato immobiliare anche nel II trimestre del 2020. Il calo è di circa il 26% con punte a Palermo e Napoli dell’oltre 30%.

A Milano, Torino e Bologna la discesa è in media con il dato nazionale. Meno accentuati sono i tassi a Rona, Firenze e Genova.

In realtà analizzando il mercato immobiliare su una più ampia base temporale, si nota che è cresciuto tra il 2011 e il 2016, per poi segnare un trend negativo, che ha raggiunto il suo apice nell’ultimo semestre.

In termini di superficie compravenduta, la scesa delle transazioni è particolarmente evidente per i tagli piccoli, -34% circa, e anche per i tagli intermedi che, in situazioni ordinarie, sono i più compravenduti nel mercato.

Il settore dei depositi pertinenziali, per lo più costituito da cantine e soffitte, sottolinea sempre la tendenza negativa del mercato immobiliare, andando al -25,7% dopo il -14,1% registrato nel trimestre precedente. La disaggregazione tra comuni capoluogo e comuni minori mostra localmente andamenti non molto differenziatati nei cali del mercato all’interno delle cinque macro aree italiane.

Vuoi mettere il tuo immobile a reddito? Contatta il Gruppo Tucci.