Spegnere i dispositivi in stand-by fa risparmiare - Gruppo Tucci
17230
post-template-default,single,single-post,postid-17230,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-17.0,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.5,vc_responsive
 

Spegnere i dispositivi in stand-by fa risparmiare

Spegnere i dispositivi in stand-by fa risparmiare

Gli elettrodomestici lasciati in modalità stand-by, e quindi non spenti, rappresentano un costo sia per l’ambiente sia per le proprie spese.

Uno studio di Selectra ha calcolato quanto si potrebbe risparmiare, spegnendo i dispositivi. L’analisi è stata svolta in collaborazione con la startup Midori, la realizzatrice di NED, uno smart meter che, collegandolo al quadro elettrico o al contatore della luce, permette di rilevare i consumi complessivi della casa e quelli dei principali elettrodomestici.

La ricerca contempla tre tipologie di famiglia:

  • grande con consumi medio-alti, 3.800 kWh/anno;
  • standard definita dall’Autorità con 2.700 kWh/anno;
  • coppia o single con consumi inferiori alla media pari a 1.500 kWh/anno.

Nel primo caso il consumo energetico sarebbe ridotto di circa il 16% e si potrebbero risparmiare circa € 90 all’anno. Questa proiezione prevede una bolletta che da € 744 annui passa € 654 euro.

La famiglia standard risparmierebbe il 21%, circa € 22 all’anno, passando da € 504 a € 450.

Un single o una coppia risparmierebbero circa il 10%. Da un totale stimato di € 332 si passerebbe a € 314.

Vuoi sapere come risparmiare maggiormente sui costi della casa? Consulta il Gruppo Tucci.